Direttivo Lega Pro, otto punti per riformare il calcio

Oggi a Firenze si è svolta una riunione importante del Consiglio Direttivo della Lega Pro, allargato ad alcuni Presidenti di club. È stata l’occasione di una approfondita disamina di quanto avvenuto nell’Assemblea federale dello scorso 29 gennaio; tutti hanno ringraziato il Presidente Gabriele Gravina per l’impegno e per la qualità del progetto. Non a caso, si è aggregato un consenso che dal 17% della Lega Pro è arrivato a sfiorare il 40%: un giacimento di idee ed una aggregazione riformatrice che è e sarà un patrimonio per l’oggi e per il dopo commissariamento FIGC.

Gabriele Gravina ha presentato il documento “Idee per un percorso di innovazione e di riforma del calcio italiano”. Il documento contiene i progetti: 1. La riforma dei campionati; 2. Il semiprofessionismo; 3. L’apprendistato; 4. I ricavi da scommesse; 5. Le seconde squadre; 6. I rapporti economico-sportivi; 7. Il rating e gli indici di bilancio; 8. I ricavi ex Legge Melandri; 9. La flessibilità contrattuale. L’elaborato molto articolato e concreto sarà implementato attraverso il contributo dei partecipanti alla riunione del Consiglio Direttivo. Nella giornata di oggi sarà inviato a tutte le componenti della FIGC e nei prossimi giorni si organizzeranno incontri. L’obiettivo è quello di consegnare al Commissario FIGC, Roberto Fabbricini, un lavoro compiuto di progetti essenziali per la riforma del calcio italiano.

fonte tuttomercatoweb.com

Autore dell'articolo: legaprocalcio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *